Intervista a Daniel Vahnke (Vampire Rodents)

I Vampire Rodents sono uno dei gruppi più violenti e angosciosi degli anni ’90. Armati di una perizia chirurgica nella composizione e di uno sconfinato cinismo nei confronti della condizione umana, sono stati capaci di creare dischi pregni di cruda potenza espressiva e lacerante umorismo. Noi, perché queste cose non le dimentichiamo, siamo riusciti a metterci in contatto con la mente dietro l’intero progetto, Daniel Vahnke, che è stato così gentile da rispondere ad alcune nostre domande su passato, futuro e Bugs Bunny. Piglia bene.
intermezzo rodents

VERSIONE ORIGINALE

BJD: Hello Mr. Vahnke.  First of all thank you for this interview, being able to speak first-hand with such a seminal figure in 90’s underground means a lot to us.
DV: Thank you very much. I didn’t realize there was much interest in my music. It seems like a surreal dream memory to me now.

BJD: After all these years of absence, we were very surprised by your online appearance and the publication of all this previously unreleased material. What sparked your return? Was it something in particular or you just felt like it?
DV: I just happened to do a search (of my works) on YouTube and to my surprise, found a lot of entries! I also found a Rare Tracks video by Paddock of Love including a request for any unreleased material of mine, so I just decided to contact Neil (Vampire Rodents’ manager, ndr.) and it took off from there. He made it surprisingly easy for me with his talent at production & formatting of the old music I had stashed away for a couple of decades. Neil has a vast catalog of rare & esoteric music on YouTube. 

BJD: Your work in Vampire Rodents and Ether Bunny revolves around Sample Based Composition; do you still make music that way? (Do you still make music?)
DV: I retired from music in 1997 and have only recorded an unreleased album of cover songs and a few originals with local musicians, but nothing like my old music. It was just for laughs originally with classics like Blue Moon, Wabash Cannonball, Elmers Tune & Hallelujah. Also a few goofy rock & country tunes. Nothing involving SBC though. I just contributed the vocals, some lyrics & my usual clown act.

BJD: Me and my friends are big fans of your work in general (and the recently released Noises in the Wall is a very interesting endeavor too), but we especially love Lullaby Land; what about you? Looking back, is there a product you’re particularly proud of?
DV: I really appreciate your interest. I rarely listen to my old stuff – it tends to give me a headache and my cats really hate it. Lullaby Land is such an unrelenting nightmare in retrospect. I’m surprised it was never used at Gitmo! I’ve listened to Clockseed & Papa Woody the most, but only in small doses. Most of my musical tastes date from 1920-45, but I still like experimental music when I can find it well done and with originality…

BJD: In time, your music has gained a devout following and is considered by some (ourselves included) one of the most brave and important experiments in recent “rock” history. Are you aware of the status you hold among a certain type of audience?
DV: No, I had no idea. I’ve only done one other interview in the last 20 years. I have no personal contacts with anyone in the music world and am completely isolated from modern music & entertainment since I have no TV or radio, let alone an Ipod or smartphone. Even when I was composing music in the ’90’s, I was the same way. I’ve always worked around 90-100 hours a week, so I have no time for recreational activities. It would be hard to find a person more boring than me! Some people are genetically disposed for the hermit life, I think.

BJD: According to many of your previous interviews, you never were an avid rock music listener. Has this changed? In particular, has any recent artist caught your interest?
DV: No, I really don’t like loud music playing all day. I appreciate all kinds of music and go through phases like most people. I was on a death metal kick for awhile, then Rush, then Julie London, then Else Pade & Roland Kayn (his Cybernetics series is incredible). I’m really impressed with a relatively obscure Italian composer named Marco Barluzzi (often recording under the project name of Barlo). He is incredibly talented and last year released an album titled “Casting per Diventare Zombie” which is one of the few albums I can put on repeat all day and not get bored with. I’m amazed he’s still unsigned. Destined to be a national treasure, I’m sure.

BJD: With the globalized nature of our world and the development of technology, any experimental music artist should have more opportunities to produce and publicize his music; however, we feel like the artistic output of our time is sub par compared to past decades in terms of creativity and strength. Have you noticed this at all? Do you think something is hindering creativity or are we just missing something?
DV: I agree and have no clue why this is. I’m sure it is just a matter of not finding them in the massive amount of music produced. There are so many unknown masterpieces out there, but little time to go searching for them. In the classical music world, most compositions are written and tucked away in a drawer, never to be seen or heard. It does seem that there has been a state of stagnation in musical creativity, but it could be that avant-garde composers see no reason to release their music to the public. Most download sites are more criminal than the labels I dealt with years ago. Why bother trying to sell something you know you’ll never be paid for and only pads the pockets of predatory businesses? I suppose that in the future, most experimental music will become public domain by the artists choice simply to avoid the delusion of commerce. BTW, any music of mine you see on a downloading service is unauthorized and technically illegal, but I’m sure that’s very commonplace nowadays. I was almost never paid anything on my albums, so ‘same old, same old’.

BJD: Do you still keep in touch with Victor Wulf, Andrea Akastia or past Rodents collaborators in general?
DV: No, and I have no idea how to find them even if they wanted to be found. I can understand. It would be nice to see Victor’s unreleased stuff on YouTube someday, though. He had a couple of albums recorded that I know of, but he’s even more cynical of the music biz than I am, so I don’t know what incentive would convince him to do so. He was a very accomplished composer, but a virtual hermit like myself. I don’t participate in social media, so it would be hard for them to contact me until recently.

BJD: Are you planning on releasing new music in the months/years to come?
DV: I think these 11 albums wrap up everything. There will be the covers project and some Clockseed / Gravity’s Rim songs in original instrumental form, but that’s it. If I do record music again, I’ll probably return to where I started with Player Piano studies. I would like to find a composition program for a 70-interval octave and see what I can do with a 10-interval note, so if anyone can write one for me, I’d very much appreciate it!

BJD: Steering away from music, you always had very strong opinions on society and mankind itself; in these twenty years, do you feel anything has changed/is changing or is history repeating itself?
DV: Oh it’s repeating itself, I’m afraid you are correct. We’re back in 1933 again, only it’s DC instead of Berlin this time around. A sequel to the American Civil War is inevitable now and would be the best thing for the rest of the world. In a couple of years, there will be concentration camps along the border and Phoenix will be a war zone. When police fire on police and National Guard units fire on each other, you’ll know it’s begun. Bring a lot of popcorn, it’s going to be a long show.

BJD: What’s your favorite Bugs Bunny episode?
DV: “Water, Water, Every Hare” is probably the classic most people agree on. It’s hard to beat any evil scientist in a castle!

BJD: Thank you for your time, have a good day.
DV: Thank you! (PS : Vahnke rhymes with Vodka!)

intermezzo rodents grande

               VERSIONE ITALIANA

BJD: Salve Signor Vahnke. Prima di tutto grazie per l’intervista, ci fa molto piacere poter parlare direttamente con una figura così importante per la scena underground degli anni ’90. 
DV: Grazie mille. Non mi ero mai accorto ci fosse questo interesse per la mia musica, ormai a me sembra come il ricordo surreale di un sogno distante.

BJD: Dopo tutti questi anni di assenza siamo rimasti molto sorpresi dalla tua riapparizione su internet e dalla pubblicazione di tutto questo materiale inedito. Cosa ti ha spinto a ritornare? Qualcosa in particolare o una semplice voglia?
DV: Stavo facendo una casuale ricerca su youtube (dei miei lavori) e soprendentemente ho trovato un sacco di risultati! Ho anche trovato un video di Rare Tracks di un user chiamato Paddock of Love che includeva una richesta di qualsiasi mio materiale inedito, così ho contattato Neil (il manager dei Vampire Rodents, ndr.) ed è partito tutto da lì. Ha reso davvero tutto semplice per me col suo talento nella produzione e la formattazione della vecchia musica che avevo tenuto da parte per due decenni. Neil possiede un grosso catalogo di musica strana ed esoterica su Youtube.

BJD: Il tuo lavoro come Vampire Rodents e Ether Bunny ruota tutto intorno alla Sample Based Composition, metodo compositivo basato sull’unione e la manipolazione di campionamenti sonori; è una tecnica che usi ancora? (Continui a fare musica in generale?)
DV: Mi sono ritirato dalla scena nel 1997, e da allora ho registrato solo un album di cover mai pubblicato e qualche traccia originale con musicisti locali, ma niente che somigli alla mia vecchia musica. Era giusto per fare qualche risata originariamente, con classici come Blue Moon, Wabash Cannonball, Elmers Tune & Hallelujah. Ho fatto anche qualche canzoncina rock e country, così per fare; niente che riguardi la SBC, comunque. Ho solo contribuito alle linee vocali, qualche testo e le mie solite buffonate.

BJD: Io e i miei compari siamo grandi ammiratori di tutto il tuo lavoro (e Noises in the Wall, recentemente pubblicato, è anch’esso molto interessante), ma amiamo in particolar modo Lullaby Land; invece tu? Col senno di poi, c’è un prodotto del quale sei particolarmente fiero?
DV: Apprezzo molto il vostro interesse. Ascolto raramente la mia vecchia roba – tende a darmi il mal di testa e i miei gatti la odiano. Lullaby Land è un incubo senza sosta, ripensandoci. Mi sorprende non l’abbiano mai usato a Guantanamo! Ho risentito principalmente Clockseed e Papa Woody, ma solo a piccole dosi. La maggior parte delle cose che mi piacciono sono tra il 1920 e il 1945, ma apprezzo ancora la musica sperimentale quando la trovo fatta con gusto e originalità…

BJD: Col tempo, la tua musica ha guadagnato un sentito seguito ed è considerata da alcuni (noi compresi) come uno degli esperimenti più coraggiosi e importanti nella storia del “rock” recente. Sei conscio del rispetto che godi tra un certo tipo di pubblico?
DV: No, non ne sapevo niente. Negli ultimi vent’anni ho rilasciato solo un’altra intervista. Non ho contatto personale con nessuno nel mondo della musica, e sono completamente isolato dall’intrattenimento moderno; non ho né TV né radio, figuriamoci Ipod o smartphone. Anche quando componevo musica negli anni ’90 ero così. Ho sempre lavorato dalle 90 alle 100 ore a settimana, per cui non ho tempo per svagarmi. Difficile trovare una persona più noiosa di me! Penso che alcuni siano geneticamente predisposti per la vita da eremita.

BJD: Stando a molte tue interviste precedenti, non sei mai stato un grande ascoltatore di musica rock. Sono cambiate le cose? In particolare, c’è un artista recente che ti ha incuriosito?
DV: No, non mi piace proprio ascoltare tutto il giorno musica ad alto volume. Mi piace qualsiasi genere, e come molte persone vado a  periodi. Per un po’ mi sono appassionato al death metal, poi ai Rush, poi a Julie London, poi a Else Pade & Roland Kayn (il suo ciclo Cybernetics è incredibile). Mi ha molto impressionato un compositore italiano relativamente sconosciuto chiamato Marco Barluzzi (spesso incide sotto il nome Barlo). È estremamente dotato e lo scorso hanno ha fatto uscire un disco chiamato “Casting per Diventare Zombie”, uno dei pochi dischi che posso ascoltare tutto il giorno senza annoiarmi. Mi sorprende che non abbia ancora un’etichetta. È destinato a grandi cose, ne sono sicuro.

BJD: Con la globalizzazione e l’avanzamento tecnologico, qualsiasi musicista sperimentale dovrebbe avere sempre più opportunità per produrre e far conoscere la propria musica; tuttavia, a noi sembra che la produzione artistica dei nostri giorni non sia al livello dei decenni passati per creatività e forza espressiva. Te ne sei accorto anche tu? Pensi che qualcosa sia ostacolando la creatività o stiamo trascurando roba?
DV: Concordo e non ho idea del perché. Sicuramente il problema è il non trovarli tra l’enorme quantità di musica che viene prodotta. Ci sono molti capolavori sconosciuti in giro, ma si ha poco tempo per andare a cercarli. Nel mondo della musica classica, la maggior parte delle composizioni sono scritte e poi messe in un cassetto, senza che nessuno le veda o le senta mai. Sembra davvero di essere in un periodo di stasi per quanto riguarda la creatività musicale, ma può anche darsi che i compositori avant-garde non vedano ragioni per pubblicare le loro opere. Molti siti per scaricare musica sono ancora più criminali delle etichette con cui ho avuto a che fare in passato. Perché cercare di vendere qualcosa per cui sai non verrai mai pagato, che riempie solo le tasche di questi approfittatori? Immagino che, in futuro, gran parte della musica sperimentale diventerà di dominio pubblico per scelta dell’artista semplicemente per evitare la chimera degli affari. A proposito, se vedete mia musica su un sito di download essa è non autorizzata e dunque tecnicamente illegale, ma sono sicuro che oggi è una cosa estremamente comune. Non ho quasi mai guadagnato niente coi miei album, quindi è sempre la stessa storia.

BJD: Resti ancora in contatto con Victor Wulf, Andrea Akastia o collaboratori passati dei Rodents in generale?
DV: No, e anche se volessero non avrei idea di come trovarli. Posso capire. Però sarebbe bello vedere la roba mai pubblicata di Victor su YouTube un giorno. Aveva registrato un paio di album che io sappia, ma è ancora più cinico nei confronti del business musicale perciò non so cosa potrebbe convincerlo a fare ciò. Era un ottimo compositore, ma un eremita virtuale come me. Non uso i social media, quindi fino a poco fa per loro sarebbe stato difficile contattarmi.

BJD: Pensi di rilasciare nuova musica nei mesi/anni a venire?
DV: Penso che questi 11 album riassumano tutto. Ci sarà il progetto relativo alle cover e qualche canzone di Clockseed/Gravity’s Rim nella forma strumentale originale, ma nient’altro. Se registrerò ancora musica probabilmente ritornerò dove ho incominciato, con gli studi sul Player Piano. Vorrei trovare un programma compositivo per ottave a 70 intervalli, e vedere che riesco a fare con  10 intervalli tra due note, quindi se qualcuno potesse compilarlo per me gliene sarei davvero grato!

BJD: Parlando di altro, hai sempre avuto opinioni molto forti riguardo la società e l’umanità in generale; in questi venti anni pensi che qualcosa sia cambiato/stia cambiando o le cose si stanno ripetendo?
DV: Oh si stanno ripetendo, penso tu abbia ragione. Siamo di nuovo al 1933, solo che stavolta è Washington invece di Berlino. Una nuova Guerra Civile Americana è inevitabile ormai e sarebbe la miglior cosa per il resto del mondo. In qualche anno, ci saranno campi di concentramento lungo il confine e Phoenix sarà zona di guerra. Quando polizia sparerà su altra polizia e la Guardia Nazionale si sparerà addosso saprai che le cose sono iniziate. Porta parecchi popcorn, sarà un lungo spettacolo.

BJD: Qual è il tuo episodio di Bugs Bunny preferito?
DV: “Water, Water, Every Hare” è probabilmente il classico che mette d’accordo la maggior parte delle persone. Difficile battere uno scienziato malvagio in un castello!

BJD: Grazie per il disturbo, buona giornata. 
DV: Grazie a te! (PS: Vahnke fa rima con Vodka!)

intermezzo rodents

di David Cappuccini ed Emanuele Pavia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s